Il 2020, come tutti ben sappiamo, è stato un anno molto particolare che ci ha letteralmente scombussolato i piani. E quindi il grande quesito, per un certo periodo, è stato “vacanza sì o vacanza no? E se sì, dove?”

Dal momento che l’Italia è il paese più bello del mondo, abbiamo pensato di aiutare il turismo italiano e abbiamo deciso di scoprire l’Alto Adige, per essere più precisi, l’alta Val Pusteria e la Valle Aurina.

Il nostro campo base per questa nuova avventura è stata la cittadina di Gais, una località piccola ma con una posizione molto comoda perché a poca distanza da diversi punti di interesse.

Abbiamo soggiornato presso l’Active Sonne Hotel, un piccolo B&B all’ingresso del paese fornito di parcheggio.

Al nostro arrivo siamo stati accolti dalla titolare della struttura che, nel giardino, ci ha offerto un cocktail di benvenuto a base di vino tipico della zona.

Il personale è davvero gentile e disponibile, hanno soddisfatto tutte le nostre richieste e la qualità del servizio e della colazione è stata davvero ottima.

Inoltre, di venerdì, l’hotel organizza una grigliata (nel rispetto delle norme anti Covid) a base di carne davvero squisita e in cui si viene immersi totalmente nell’atmosfera altoatesina.

Le strutture alberghiere della zona rilasciano gratuitamente delle card turistiche con le quali potrete usufruire di sconti nei musei e accedere gratuitamente al servizio di trasporto pubblico locale.

L’itinerario che abbiamo pensato di proporvi è diviso in giornate in modo da poter sfruttare al meglio tutto il tempo del vostro viaggio.

[Giorno 1] Brunico

A soli 5 km dal nostro campo base, si trova la città di Brunico. 

Piccola ma piuttosto carina, Brunico offre ai suoi visitatori un centro cittadino – colorato, vivace e ricco di negozi – che si snoda lungo via Centrale, circondata da antiche mura medievali. 

Queste mura presentano quattro porte, alcune delle quali affrescate, come ad esempio Porta Ragen.

Oltre questa porta, sulla destra si trova una piccola salita che si ramifica: salendo a sinistra si arriva all’ingresso principale del castello di Brunico…continua a leggere

[Giorno 2] Tre cime di Lavaredo e lago di Misurina

Se vi trovate in queste zone, non potete perdervi le Tre Cime di Lavaredo.

Questa bellezza naturale si trova al di fuori della provincia autonoma di Bolzano, per la precisione si trova in Veneto, nella provincia di Belluno.

L’accesso alla strada che sale verso le Tre Cime, è percorribile in tre modi diversi: a piedi, con un mezzo proprio oppure con un mezzo pubblico. Nel caso in cui decidiate di salire a piedi, vi avvertiamo che la strada è particolarmente ripida…continua a leggere

[Giorno 3] Lago di Braies

Il lago di Braies, come la maggior parte dei laghi in Alto Adige, è un vero è proprio specchio d’acqua color smeraldo incastonato dentro una cornice di monti e boschi.

Il nostro consiglio principale è quello di arrivare molto presto al mattino (noi ad esempio siamo arrivati alle 7) sia perché in questo modo avrete la possibilità di godervi la pace della natura senza troppi turisti…continua a leggere

[Giorno 4] Cascate di Riva e Campo Tures

Accanto a Gais, a circa 15 minuti di auto si trova la piccola cittadina di Campo Tures. È proprio qui che ci sono due interessanti attrazioni che ci sentiamo di consigliare: le cascate di Riva e il castello di Tures.

Le cascate di Riva sono divise in tre livelli (a tre diverse altezze) alle quali si arriva tramite una piacevole camminata nel bosco. Raccomandiamo di indossare scarpe…continua a leggere

[Giorno 5] Piramidi di Terra e museo folkloristico di Teodone

A qualche chilometro da Brunico, e per la precisione a Plata nel comune di Perca, si trovano le piramidi di terra: un autentico spettacolo della natura nato più di centinaia di anni fa a causa di frane ed intemperie.

Le piramidi sono raggiungibili con una piacevole camminata in mezzo al bosco di circa un’ora; l’imbocco del sentiero è facilmente raggiungibile in macchina che può essere lasciata nel parcheggio…continua a leggere

[Giorno 6] Lago di Anterselva

Il lago di Anterselva, situato nell’omonima valle, non ha nulla da invidiare ai laghi più famosi dell’Alto Adige. Come il lago di Braies, anche questo piccolo lago alpino può essere definito come uno specchio color smeraldo incastonato tra montagne rocciose e boschi verdeggianti. Il percorso intorno al lagocontinua a leggere

[Giorno 7] Miniere di Predoi e chiesetta di Santo Spirito

Le miniere di Predoi e la loro storia sono davvero delle testimonianze interessanti perché raccontano storie di vita vissuta e di fatiche. A causa dell’emergenza covid e dei lavori di manutenzione i percorsi di visita purtroppo sono stati ridotti.

Ecco la visita alternativa che è stata proposta a noi: per iniziare, ci è stato mostrato un breve filmato sulla storia del luogo. Dopodiché, insieme a Günter – la nostra guida – abbiamo percorso un breve tragitto a piedi…continua a leggere

Attività extra

Ciclabile San Candido / Dobbiaco - Lienz

Lago artificiale di Neves

Rafting a Campo Tures

Plan de Corones

Sentiero della salute

Parapendio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.