Le miniere di Predoi e la loro storia sono davvero delle testimonianze interessanti perché raccontano storie di vita vissuta e di fatiche. A causa dell’emergenza covid e dei lavori di manutenzione i percorsi di visita purtroppo sono stati ridotti.

Ecco la visita alternativa che è stata proposta a noi: per iniziare, ci è stato mostrato un breve filmato sulla storia del luogo. Dopodiché, insieme a Günter – la nostra guida – abbiamo percorso un breve tragitto a piedi per arrivare fino alla miniera dove, muniti di mantellina e caschetto con torcia, siamo potuti entrare a piedi nella miniera.

Una volta terminato il brevissimo percorso nella galleria, ci è stato fatto vedere come veniva azionato il mulino dove venivano lavorati (o forse sarebbe meglio dire spaccati) i minerali e le  pietre.

Nelle vicinanze delle miniere segnaliamo il museo di Cadipietra (tornando verso Gais). Noi  lo abbiamo trovato piuttosto interessante perché raccoglie numerose testimonianze dei minatori, di uomini di fatica che hanno vissuto per e nella miniera.

Sempre a pochi chilometri dal Predoi si trova la località Casere, alla fine della valle Aurina – al confine con l’Austria: una bellissima zona verdeggiante dove è situata la chiesetta di Santo Spirito, la Vetta d’Italia e dove avrete la possibilità di camminare sui dolci pendii verdeggianti.

In questa zona, è necessario lasciare l’auto nel parcheggio a pagamento – piuttosto costoso – e proseguire a piedi dal momento che l’accesso è consentito solo ai mezzi autorizzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.