Questa visita è la prima tappa del nostro tour fatto in Croazia.

Le prime acque che abbiamo incontrato sulla nostra strada, sono state quelle dolci dei laghi di Plitvice, uno dei trionfi di Madre Natura in assoluto!

Per chi volesse soggiornare una notte

Il primo consiglio che ci sentiamo di darvi è legato alla scelta dell’alloggio: su molti siti di hotel trovate solitamente la distanza (a piedi o con i mezzi) dall’alloggio all’attrazione in questione (sia esso il centro storico di una città o una bellezza naturale). Ebbene, a Plitivice è leggermente diverso, infatti le indicazioni che vengono fornite, prendono in considerazione – attenzione bene – NON i due ingresso dei laghi (di cui parleremo a breve), bensì l’inizio del parco naturale, che è piuttosto vasto! Perciò, quando state per prenotare, controllate bene che cosa viene preso in considerazione circa le distanze in modo da evitare spiacevoli sorprese!

Noi abbiamo alloggiato in una casa a Korenica, un piccolo paesino a 3 minuti di auto dall’inizio del parco e a circa 20 minuti di auto dal parcheggio dell’ingresso 2 (da dove siamo entrati noi).

Località piccola e tranquilla ma con tutto quello di cui avevamo bisogno e cioè l’alloggio (mettiamo le indicazioni sul nostro alloggio), un ristorante (ristorante L’MAT, che offre una buona cucina con diverse propose a prezzi onesti), un supermercato. Abbiamo trovato molto comodo alloggiare qui perché sia dopo una pesante giornata di viaggio in auto dall’Italia, sia dopo la visita ai laghi non abbiamo dovuto usare l’auto per andare a cena: quattro passi ed eravamo già seduti al tavolo! Un vantaggio che non tutti gli alloggi più vicini agli ingressi dei laghi hanno, essendo generalmente piuttosto isolati.

Per visite in giornata

Come detto prima, gli ingressi del parco sono due e solitamente, il secondo ingresso è meno affollato rispetto al primo perché non si affaccia sull’attrazione principale come l’ingresso 1.

Per quanto riguarda la visita, abbiamo scelto di prenotare online i biglietti di ingresso per evitare alcuni rischi, come ad esempio quello di dover fare code chilometriche o addirittura rischiare di non poter entrare a causa della ressa. Vi ricordiamo che i biglietti online, nel caso decidiate di farli, devono essere acquistati almeno 2 giorni prima rispetto al giorno della visita, e che la loro disponibilità è limitata (per intenderci, chi prima arriva meglio alloggia).

Qui di seguito trovate il link del sito ufficiale del parco, che a nostro avviso è molto chiaro: https://np-plitvicka-jezera.hr/it/

Ci teniamo inoltre a specificare che su alcuni siti internet viene detto senza troppi giri di parole che si riesce ad entrare tranquillamente anche senza biglietto. Ora, moralmente parlando vogliamo provare a sensibilizzare chiunque voglia correre un rischio simile, ricordando a costoro che in primo luogo i soldi del biglietto sono necessari alla manutenzione e al mantenimento delle bellezze che vedrete e che, in secondo luogo – se dovessero scoprirvi – andrete incontro a delle sanzioni molto salate.

Il giorno della nostra visita, il tempo non era dei migliori: pioggia, vento e 18 gradi. Ma questo non ci ha fermati! Abbiamo deciso di entrare lo stesso e ovviamente, date le condizioni climatiche, non abbiamo avuto grossi problemi come file chilometriche, lunghe attese e ressa eccessiva!

Siamo comunque rimasti molto soddisfatti, un vero e proprio spettacolo anche sotto la pioggia…per fortuna non siamo solubili!

A Plitvice, ci sono diversi percorsi tra cui sceglie. Essendo Plitvice una riserva molto grande, è consigliato scegliere un sentiero e seguirlo, ma comunque nulla vieta di tornare indietro e integrarlo con un altro a scelta. Noi ad esempio abbiamo deciso di “mescolare” il percorso E ed il percorso H in modo da vedere il più possibile; se dovessero esserci delle condizoni climatiche poco favorevoli, alcuni sentieri potrebbero essere chiusi.

All’interno del parco, inoltre, c’è la possibilità di prendere sia il traghetto, sia un pulmino, con i quali è possibile far riposare i piedi e godersi qualche minuto di ristoro prima di arrivare in altri punti da cui ripartire per continuare la vostra visita.

Essendo chiusi i percorsi che portavano verso l’ingresso 1 abbiamo dovuto procedere in auto verso l’ingresso 1 in modo da vedere la Veliki Slap, ovvero la cascata grande (nome non casuale, infatti è la cascata più grande della Croazia!), basterà mostrare il biglietto e vi lasceranno passare (è comunque meglio chiedere alla biglietteria in anticipo per sicurezza) sia che vogliate semplicemente fotografare la cascata grande (perché è proprio la prima cosa che si vede non appena si varca la soglia dell’ingresso 1), sia che vogliate incamminarvi di nuovo per quei sentieri.

Se andate in auto, vi consigliamo di lasciare il vostro mezzo nei parcheggi a pagamento, anche se non sono esattamente economici: i controlli stradali in Croazia sono piuttosto rigidi e frequenti (non solo per i divieti di sosta, ma anche per il rispetto dei limiti di velocità!).

Per quanto riguarda l’abbigliamento, è caldamente consigliato indossare scarponcini o comunque scarpe chiuse da ginnastica, con i sandali non è permesso l’ingresso! Infatti, le passerelle potrebbero essere scivolose, e a tratti ci sono dei veri e propri piccoli sentieri di montagna che, anche se non richiedono un particolare sforzo fisico, sono comunque sterrati con sassi e radici.

In qualsiasi caso – come dicevamo prima – se vi spaventa la fatica, avete diversi percorsi a disposizione e potrete scegliere quello che fa più al caso vostro! In caso di maltempo è fondamentale avere una mantellina resistente e un ombrello (le mantelline anche usa e getta possono essere acquistare anche negli shop vicini ai parcheggi a 3 o 7 euro).

Infine, vi ricordiamo che non è possibile balneare nelle acque dei laghi; per quanto riguarda cibi e bevande, noi personalmente abbiamo preferito partire muniti di snack, pranzo al sacco e acqua perché, anche se all’interno sono presenti dei punti di ristoro con tanto di bagni non è detto che siano aperti (quando siamo andati noi infatti erano chiusi) e, soprattutto, prima di trovarne uno, potrebbe volerci del tempo.

Una raccomandazione è quella di rispettare le regole del parco. Non disperdete i rifiuti nella natura (compresi i mozziconi di sigaretta) perchè il posto è ancora più spettacolare quanto più rimane pulito ed incontaminato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.